0%

Integrated Services Digital Network, o ISDN, è una rete digitale che dà supporto a molti servizi di voce e dati. La definizione tecnica dell’ISDN, che investe diverse componenti delle reti, risale alle raccomandazioni ITU-T della serie I del 1984 e comprende numerose altre pubblicazioni dello stesso ITU-T e dell’ETSI (European Telecommunications Standard Institute) fatte negli anni successivi.

Read more »

Wilhelm Friedrich Ackermann (29/3/1896 – 24/12/1962) was a German mathematician best known for the Ackermann function, an important example in the theory of computation.

La funzione di Ackermann è una funzione f(x,y,z) che ha come dominio l’insieme delle terne di numeri naturali e come codominio i numeri naturali.

Essa è un esempio di funzione ricorsiva che non è primitiva ricorsiva poiché cresce più velocemente di qualsiasi funzione ricorsiva primitiva.

Read more »

XQuery, una abbrevazione per XML Query Language, è un linguaggio di programmazione specificato dal W3C e destinato ad interrogare documenti e basi di dati XML. Questo perché XML si sta proponendo come la tecnologia per rimpiazzare i vecchi DBMS relazionali :-)

Il w3c ha definito il linguaggio XQuery 1.0; usa la sintassi delle espressioni di XPath 2.0, con l’aggiunta delle cosiddette espressioni FLWOR per la formulazione di query complesse. Il risultato è un linguaggio di programmazione funzionale, dichiarativo, con somiglianze con il vecchio SQL.

Per effettuare delle query xquery su un file XML possiamo usare delle librerie come BaseX e Saxon. Purtroppo attualmente Saxon non è un prodotto del tutto gratuito, quindi scegliamo di usare BaseX, un processore Xquery-XPath open source.

Read more »

La diffusione delle connessioni a banda larga ha agevolato la diffusione di audio e video via web: un esempio eclatante è YouTube! Ma riuscire a trovare un video particolare tra la grossa quantità di dati multimediali sul web è un compito arduo: il valore del dato multimediale dipende da quanto è agevole trovarlo, gestirlo, ed accedere.

Per gestire questa grossa quantità di dati multimediali, sia da parte degli utenti, sia da parte dei sistemi automatici, ci aiuta Mpeg-7: uno standard nato per codificare i contenuti multimediali attraverso la definizione di metadati sui dati multimediali.

I precedenti standard Mpeg-1 (1992), Mpeg-2 (1994), e Mpeg-4 (1999) riguardano la codifica del video. Nel 2001 è stato definito Mpeg-7 che non definisce il modo di codificare un video, ma riguarda la sua metataggatura attraverso un linguaggio XML.
Perché 7? Mpeg-7 permette di definire metadati sui video codificati con Mpeg 1, 2, e 4. Siccome 4+2+1=7, nasce il nome Mpeg-7.

Read more »

Il linguaggio XML è diventato uno degli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi informativi, indipendentemente dalla tecnologia usata.

Storia

Il World Wide Web Consortium (W3C), in seguito alla guerra dei browser fu costretto a seguire le individuali estensioni al linguaggio HTML. Dovette scegliere quali caratteristiche standardizzare e quali lasciare fuori dalle specifiche ufficiali dell’HTML. Fu in questo contesto che iniziò a delinearsi la necessità di un linguaggio di markup che desse maggiore libertà nella definizione dei tag, pur rimanendo in uno standard.

Il “progetto XML”, che ebbe inizio alla fine degli anni ’80 nell’ambito della SGML Activity del W3C, suscitò un così forte interesse a tal punto che la W3C creò un gruppo di lavoro, chiamato XML Working Group, composto da esperti mondiali delle tecnologie SGML, ed una commissione, XML Editorial Review Board, deputata alla redazione delle specifiche del progetto.

Nel febbraio del 1998 le specifiche divennero una raccomandazione ufficiale con il nome di Extensible Mark-up Language, versione 1.0. Ben presto ci si accorse che XML non era solo limitato al contesto web, ma era qualcosa di più: uno strumento che permetteva di essere utilizzato nei più diversi contesti, dalla definizione della struttura di documenti, allo scambio delle informazioni tra sistemi diversi, dalla rappresentazione di immagini alla definizione di formati di dati.

Read more »

Le espressioni regolari sono utili per descrivere la validità di valori, come ad esempio valori di attributi, dati caratteri, e qualsiasi tipo di valore esprimibile con un certo alfabeto.

Il concetto di espressione regolare è un formalismo importante utilizzato, in varie forme, in svariate applicazioni… ad esempio nei linguaggi di schema (come DTD di XML) per descrivere sequenze di elementi o caratteri. I linguaggi regolari sono utilizzati in molte altre aree dell’informatica oltre a XML, dall’elaborazione del testo e del linguaggio naturale alla verifica formale dei componenti hardware.

Potrebbe essere necessario, ad esempio, vincolare un valore ‘data’ in modo tale da rispettare il formato dd-mm-yyyy, ovvero sia composto da due cifre per il giorno, seguite da due per il mese e quattro per l’anno, tutto separato da un segno meno “-”. Alternativamente possiamo specificare che un certo valore deve essere un numero intero.

Chiamiamo Σ un alfabeto consistente in un insieme di atomi, che tipicamente sono caratteri Unicode o nomi di elementi. Un’espressione regolare su Σ è costruita in base alle seguenti regole:

Read more »

In mathematics, a matrix (plural matrices) is a rectangular array of numbers, symbols, or expressions, arranged in rows and columns. The individual items in a matrix are called its elements or entries.

In computer science the term “matrix” refers to a multidimensional array, that is a systematic arrangement of objects, usually in rows and columns.

In questo articolo si illustra i vari tidi di matrice, e i vari tipi di memorizzazione di matrice. Dal modo in cui sono collocati gli elementi all’interno di una matrice, possiamo distinguere vari tipi

Read more »

Eliminare lo spam dal goku script

Il goku script è uno script per mIRC realizzato nell’anno 2001 e tutt’oggi è considerato uno degli script più completi in circolazione. Lo script è scaricabile a questo link.

Purtroppo nella sua distribuzione sono stati lasciati attivi i messaggi di spam (messaggi usati per pubblicizzare lo script stesso).

Di questi messaggi ne sono inviati due ogni volta che si entra o esce da un canale di chat… quindi se entriamo in un canale inviamo un messaggio di spam alla prossima persona che entra in uno dei canali in cui ci troviamo. Qui il codice dello script per mIRC:

Read more »

Quicksort è un ottimo algoritmo di ordinamento ricorsivo in place che, come merge sort, si basa sul paradigma divide et impera. La base del suo funzionamento è l’utilizzo ricorsivo della procedura partition: preso un elemento da una struttura dati (es. array) si pongono gli elementi minori a sinistra rispetto a questo e gli elementi maggiori a destra.

Il Quicksort, termine che tradotto letteralmente in italiano indica ordinamento rapido, è l’algoritmo di ordinamento che ha, in generale, prestazioni migliori tra quelli basati su confronto; è stato sottoposto a un’analisi matematica approfondita ed estremamente precisa, tanto che le sue prestazioni sono state comprese a fondo e il suo comportamento è stato descritto in modo molto accurato.

Read more »

Sulla rete ci sono parecchie guide sul come fare il tuning di ubuntu (cioè come alleggerire ubuntu) ma ho deciso di raggruppare il tutto in questa guida.

Ubuntu Linux è una distribuzione piuttosto semplice da usare ma ma stabile, poiché basata su debian, tuttavia ubuntu di default ha molti pacchetti e servizi che si possono tranquillamente disabilitare o adattare secondo le proprie esigenze, così facendo guadagneremo in spazio sull’hdd e qualche mb di ram, questo significa avere un sistema operativo più snello e più reattivo.

La presente guida è valida per la maggior parte degli utenti, ma ovviamente informatevi prima se un servizio\pacchetto non vi serve davvero… ad esempio chi possiede una stampante HP non dovrebbe disabilitare i relativi servizi per la sua gestione :-P

Read more »